coronavirus

Io del Coronavirus non ci ho capito niente

Ho letto, ho sentito, ho guardato, ho cercato informazioni. Coronavirus a destra, Coronavirus a sinistra. Ovunque.

 

All’inizio ho pensato: toh, è poco più di un’influenza; poi ho visto: la chiusura delle scuole, la chiusura dei negozi, le macchine diradarsi, le facce livide dei medici e degli infermieri dei reparti di rianimazione in TV, e mi sono preoccupata.

 

Adesso mi toccano il lavoro … imponendo 3 settimane di chiusura e di ferie forzate … sì, ma gli ammortizzatori sociali? Cosa è destinato alle famiglie tra le misure prese dal governo? E quanto? E quando?

Spogliata di tutte le mie (poche) certezze, mi affido ancora una volta alle “sagge” parole di Lui, il Sommo, che continua a palesarsi sui social:

 

“Forse mai come adesso le Aziende devono essere Anti Fragili! (cioè infrangibili???) Un Azienda, un sistema, si porta ad essere anti fragile comprendendolo nella sua massima diversità intrinseca, ovvero ricambiando le risorse a disposizione generando una sostanziale variazione del sistema. Diversità come ricchezza, deve essere la parola d’ordine!!! Le varie attitudini, esperienze, capacità individuali ricombinate per rispondere ad una domanda nuova che si traducono in una sensibilità che messa in gioco in un nuovo contesto che le accoglie possono offrire soluzioni fino a prima impensabili. Quindi cosa deve fare un Azienda per diventare ANTI FRAGILE? Deve conoscere le sue risorse per ricombinarle e ricondividerle per rendersi ANTI FRAGILE. Semplice no!!! Ma bellissimo e arricchente!!!”

No words needed.

 

“Una notte per brutta che possa essere vedrà sempre sorgere il Sole … Stiamo allerta (eh beh) e salvaguardiamoci anche se a volte sembra che tutto vada a pezzi, domani il Sole sorgerà di nuovo e noi ci scalderemo al suo calore che ucciderà ogni malessere… 69 reazioni, che mi preoccupano forse più del post stesso”.

Adesso il virus, in effetti, mi fa un po’ meno paura.

 

“Nessun problema può resistere all’assalto di una riflessione approfondita (Voltaire). La “pancia” ti da segnali importanti che vanno sempre ascoltati per alimentare riflessioni complesse e approfondite così che si possa organizzare un assalto forte che non permetta al problema di resistere al tuo avanzamento. Fermati, osserva, rifletti, valuta, decidi, agisci”.

Appunto!!!!

 

4. Stamattina: “dobbiamo fare una foto con l’agente X che firma il contratto a tempo indeterminato. Che dici, la facciamo con la mascherina?”

Devo scrivere la mia risposta o posso soprassedere?

Articolo creato 90

Un commento su “Io del Coronavirus non ci ho capito niente

  1. Forza e coraggio, si intravede la luce in fondo alla tana!
    Anche perchè diventa sempre più difficile tenere segregatii i coniglietti, sentono l’aria di Primavera 😉
    Attendiamo il tuo prossimo Post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto