Custode di parole in grado di raccontarmi storie. Mi fido di lei, è mia alleata, quando le confesso i segreti del mio cuore; quando appunto la spesa su un semplice post-it; quando i miei testi al lavoro vengono prima messi giù su un grande blocco giallo (ormai l’ho quasi finito…) e poi riportati a pc; quando entro in libreria e annuso quell’odore fragrante, come nella migliore delle pasticcerie.

Quando apro un libro nella tranquillità di casa e mi da’ tepore e calma e gioia solo il fatto di avere quel piccolo peso in mano, che tra poco si impossesserà del mio cervello.

E niente: la carta è tutto per me. Mi aiuta a far ordine dentro, a dare un filo logico alle idee, a fare in modo che non si sovrappongano continuamente, come nei sogni (cosa molto frequente per me, che ho un mio cervello ipercinetico). Mi aiuta ad esplicitare le mie emozioni e i miei pensieri, cosa in cui sono molto scarsa – povera – pessima – reticente; mi aiuta a crearmi una storia, che mi piace rispolverare e rileggere a distanza di anni.

Carta stampata e carta scritta a mano, fa lo stesso. Anzi, la seconda spesso è ancora meglio della prima. Che piacere superbo aprire le vecchie agende delle medie e delle superiori, vibranti di vita e grasse e trabordanti come ippopotami, da cui pendono foglietti-brandelli-dediche-adesivi-ritaglidigiornale-foto-disegni-stampe; i quaderni delle elementari, le cartoline ricevute, i diari, i biglietti ricevuti per i compleanni, la laurea, il matrimonio, la nascita dei bambini.

Leggere dalla viva penna di chi ha scritto è un privilegio: c’è la vita vera dentro, c’è il cuore che pulsa, l’emozione del momento. Pezzetti di momenti unici.

Leggere le vecchie pagelle, che mamma ha gelosamente custodito e che mi ha regalato per il mio 41esimo compleanno in una bella cartellina rossa; leggere alcuni vecchi temi e compiti in classe rimasti nei meandri delle pagine dei diari e stupirsi e dire: cavoli, ma queste cose le ho veramente scritte io? Sì, le ho veramente scritte io.

E questo blog? Davvero mi sono successe le cose che qui sono scritte? Con questa intensità? Con questa forza? Sì, davvero mi sono successe.

Articolo creato 43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto