estinguersi

Estinguersi

“Estinguersi” di Massimo Gramellini, 14 luglio 2020

“L’Italia si sta estinguendo nel cordiale disinteresse degli italiani, specie di quelli adulti, preoccupati più della loro sopravvivenza che della loro discendenza. 

L’anno scorso sono nate 420 mila persone e ne sono morte 630 mila: come se di colpo fosse sparita Padova. Ma se fosse sparita Padova, immagino non si parlerebbe d’altro. Invece il saldo negativo di 210 mila abitanti (e con il Covid, quest’anno, saranno ancora di più) incuriosisce meno dell’ultimo fidanzato di Belen e ad alcuni procura persino una certa soddisfazione. Per la serie: meno siamo e meglio stiamo, tanto le pensioni del futuro le pagheranno i robot. 

Fino a qualche tempo fa, a ristabilire l’equilibrio ci pensavano i nuovi arrivi dall’estero. Adesso anche loro si adeguano immediatamente all’andazzo. Le ragioni del crollo sono mille, ma una pesa più delle altre: un Paese dove le donne che vogliono lavorare sono costrette a scegliere tra la culla e il posto era condannato a finire così. 

Come padre (clamorosamente tardivo) di uno dei pochi italiani nati nel 2019, non posso fare a meno di chiedermi che cosa significherà per mio figlio crescere in mezzo a una marea di vecchi, a cominciare da me. 

Ho messo al mondo una creatura destinata a sentirsi parte per tutta la vita di una sparuta minoranza. Centinaia di mani tremanti lo additeranno per la strada: “Guardate, un giovane!”

L’unico futuro lavorativo che gli si prospetta è il badante”.

 

Una vera e propria tragedia sociale, che mi fa star male più del Coronavirus, più di tante altre tragedie del nostro tempo. Chi segue il mio blog lo sa.

 

Non posso pensare che questo immane problema (-4,5% dati Istat appena pubblicati) non faccia parte delle prime pagine delle agende dei politici e delle loro prime preoccupazioni. Non dovrebbe farli dormire la notte!

Tutti i discorsi su pensioni, assistenza, futuro diventano fumo. Nebbia. Carta straccia.

Gigantesco il tema del sostegno alle famiglie.

Sostegno? Quale? Certo, qualche giorno di facoltativa straordinaria Covid-19 per permettere a mio marito, che ha Partita IVA, di uscire dai clienti almeno 1 giorno a settimana invece che fare il baby-sitter a tempo piano; ma per il bonus baby-sitting (che io non mi sono mai sognata di chiedere ma poi altre mamme mi hanno detto: ma che sei pazza??? Vai al lavoro??? E i bambini a casa???? E non hai chiesto nessuna agevolazione???? Ma sei fuori col cranio???? Beh…io sono una abituata a lavorare e andare avanti a testa bassa, per me lavorare e potermi realizzare e poter realizzare qualcosa di buono è un privilegio) (beh poi alla fine ho fatto le pratiche, sì sì è giusto parlare di pratiche, un tuffo indietro negli anni ’80) (che già sono di una complicazione mortale) (non per me, ma per le nonne) non c’è speranza, fondi esauriti. Leggo.

Altre misure di sostegno dove sono?

Parlo di progettualità a lungo termine, non di misure assistenziali una tantum.

E’ più facile e più sensazionalistico riempirsi la bocca di tanti proclami vuoti che fare una seria programmazione e rimboccarsi le maniche.

Io non voglio la carità, non voglio bonus e voucher e incentivi e 3.456 passaggi burocratici e dati da compilare e da controllare ogni giorno e libretti famiglia, ma che è??? VOGLIO POTER LAVORARE. In pace. Senza rischiare di perdere il posto perché ho partorito. Senza farmi sparlare alle spalle perché sto a casa qualche sacrosanto giorno con i miei figli!

I miei figli sono i figli dell’Italia, della comunità, sono i lavoratori di domani, quelli che pagheranno la pensione!

Senza essere additata come quella con i privilegi, perché qui di privilegi non c’è neanche l’ombra.

 

“Se il tuo piano è per un anno, pianta il riso.

Se il tuo piano è per 10 anni, pianta gli alberi.

Se il tuo piano è per 100 anni, educa i bambini”.

CONFUCIO 

 

Articolo creato 102

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto