scrivere bene

Saper parlare e scrivere bene in italiano

Saper parlare e scrivere bene in italiano significa riuscire ad adattare qualsiasi concetto al contesto, al destinatario, al mezzo.

Vi sembra poco???

Questa competenza consiste nel saper variare adeguatamente struttura sintattica e registro linguistico a seconda che ci si trovi di fronte alla definizione di uno slogan pubblicitario o ad un contratto, a seconda che il mezzo sia un post su Facebook o una lettera formale, una presentazione in pubblico o un colloquio riservato.

Oggi la capacità di plasmare le proprie parole in modo camaleontico è fondamentale perché chi ci legge o ci ascolta è pigro, tendenzialmente presuntuoso e distratto da un sovraccarico di informazioni. Pretende di capire al volo, senza alcuno sforzo, ma soprattutto si distrae e si perde nei meandri molto facilmente.

Una mail lunga due righe più del dovuto non viene letta con attenzione perché percepita come troppo impegnativa; un concetto articolato in modo ridondante genera equivoci e incomprensioni perché il cervello del lettore o ascoltatore di disconnette quando percepisce complessità.

La persona che gestisce la lingua e la comunicazione è capace di ottenere quindi sempre l’attenzione vigile di chi legge e ascolta, perché è capace di tagliare e cucire le frasi a seconda dei suoi obiettivi e del contesto in cui opera.

Saper parlare e scrivere bene in italiano significa avere un potente strumento di elaborazione creativa e di revisione critica di ciò che gli viene proposto.

I processi creativi nascono da questo giocare con le parole, spostarle, lavorare per associazioni, metafore.

Saper parlare e scrivere bene in italiano significa saper trovare le parole giuste per connettersi con chi gli sta intorno dal punto di vista emotivo. Il presupposto dell’intelligenza emotiva è la capacità di saper descrivere in modo esatto e ricco di sfumature le proprie emozioni.

Per chi lavora questo significa avere un surplus di empatia! Che si traduce di conseguenza nel saper motivare colleghi stanchi o depressi, significa saper gestire clienti contrariati, dire di no in modo incisivo e al contempo rispettoso, commentare un errore senza giudicare.

Saper parlare e scrivere bene in italiano significa potenziare la propria capacità di raccontare in modo affascinante e persuasivo. Viviamo in un tempo in cui si deve non solo organizzare qualcosa, ma si deve soprattutto raccontare qualcosa. I concetti di narrazione e storytelling hanno ormai travalicato i confini del marketing.

Chi conosce profondamente l’italiano ha assorbito nella sua lunga esperienza di lettura e studio gli schemi e i modelli del racconto ed è dunque spontaneamente, direi proprio inconsapevolmente, un narratore.

“Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto: è quanto mi hanno dato al posto di un fucile”. 

Philiph Roth 

Articolo creato 111

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto